I BAMBINI DELLA BARACCA 10

 

Baracca 10 foto

Produzione Teatro del Buratto | da 11 anni

Costituiscono genocidio, secondo la definizione adottata dall’ONU, “gli atti commessi con l’intenzione di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso”.

Quello che viene considerato il primo genocidio del 1900 e che servirà da terribile esempio all’Olocausto che venne perpetrato ai danni degli Armeni; da lì partiremo per un percorso che ci porterà ad attraversare la seconda guerra mondiale per arrivare ai giorni nostri, concentrandoci in particolare sull’Olocausto.
La tragedia del popolo ebreo verrà narrata attraverso le vicende di venti bambini deportati su cui venne sperimentato un vaccino contro la tubercolosi polmonare. I bambini della baracca 10.

Un progetto di teatro partecipato per raccontare e per non dimenticare le guerre, le stragi, presenti e passate, evitando che le nuove generazioni igno-rino alcuni dei momenti salienti della nostra storia.

Lo spettacolo può essere messo in scena anche negli auditorium o in spazi teatrali oscurabili.

Linguaggio: Teatro d'attore, proiezioni
Tema: Giornata della Memoria

 

 

T B MUNARI new  r

Via Giovanni Bovio 5 - Milano
27 e 28 Gennaio 2020
ore 10:00

Contatti:
Flavia Lencioni
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.| 02.27002476

Scarica il modulo per la prenotazione 

 

Bi – La Fabbrica del Gioco e delle Arti
Via Rodari 3 – Cormano (Mi)
29 Gennaio 2020
Ore 9:30

Contatti:
Lorena Vecchies
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel. 02.66305562 | 02.27002476

Scarica il modulo per la prenotazione

Biglietti € 9,00
Abbonamento 2 spettacoli (medesime classi) €14,00
2 omaggi insegnanti ogni 25 alunni

ZANNA BIANCA

7 ZANNA BIANCA Inti

Produzione INTI | da 8 a 13 anni 

Liberamente ispirato ai romanzi e alla vita avventurosa di Jack London

Premio Eolo Awards 2019 "Miglior spettacolo"

Nel grande Nord una lupa con chiazze di pelo color rosso cannella sul capo e una lunga striscia bianca sul petto, ha trovato la tana migliore dove far nascere i suoi cuccioli. Tra questi un batuffolo di pelo che presto diventerà il lupo più famoso di tutti i tempi: Zanna Bianca.
Luigi D’Elia e Francesco Niccolini tornano nel luogo che amano di più, la grande foresta ma questa volta rinunciano agli esseri umani e alle loro parole, per incontrare chi della foresta fa parte come le sue ombre, il muschio, l’ossigeno: i lupi. Questo è uno spettacolo che ha gli occhi di un lupo, da quando cucciolo per la prima volta scopre il mondo fuori dalla tana a quando fa esperienza della vita, della morte, della notte, dell’uomo, fino all’incontro più strano e misterioso: un ululato sconosciuto, nella notte. E da lì non si torna più indietro. Un racconto che morde, a volte corre veloce sulla neve, altre volte si raccoglie intorno al fuoco. Un omaggio selvaggio e passionale che arriva dopo dieci anni di racconto della natura, a Jack London, ai lupi, al Grande Nord e all’antica e ancestrale infanzia del mondo.

Linguaggio: Teatro di narrazione
Temi: Incontro uomo natura, libertà, amicizia, avventura

T B MUNARI new  r

Via Giovanni Bovio 5 - Milano
21 e 22 Gennaio 2020
ore 10:00

Contatti:
Flavia Lencioni
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.| 02.27002476

Scarica il modulo per la prenotazione 

Biglietti € 9,00
Abbonamento 2 spettacoli (medesime classi) €14,00
2 omaggi insegnanti ogni 25 alunni

COME SORELLE

8 COME SORELLE Mattioli

Produzione Compagnia Teatrale Mattioli | da 8 a 12 anni 

Liberamente ispirato ai racconti Sorelle di Lia Levi e a Il tempo delle parole sotto voce di Anne-Lise Grobety

È la storia di due famiglie italiane, una delle quali di origine ebrea. Loredana è la migliore amica di Bettina: è la sua amica del cuore. Sono talmente amiche che un giorno Bettina propone a Loredana di diventare sorelle di sangue, perché se si è solo amiche forse, nel corso della vita, ci si può anche perdere, ma se si è sorelle, lo è per sempre.

Nessun pericolo minacciava la loro vita di bambine finché non venne il tempo delle parole sottovoce. Prima per la strada c’era rumore di festa, di vita felice. Poi furono proprio le voci a cambiare intonazione ed intensità: chiunque si sarebbe accorto che la gente non rideva più come prima.

Le persone improvvisamente sembravano incapaci di salutarsi guardandosi dritto negli occhi. Come Sorelle parla dell’Olocausto, visto attraverso gli occhi dei bambini di allora.

Linguaggio: Teatro d'attore
Temi: Olocausto, memoria, amicizia

T B MUNARI new  r

Via Giovanni Bovio 5 - Milano
29 e 30 Gennaio 2020
ore 10:00

Contatti:
Flavia Lencioni
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.| 02.27002476

Scarica il modulo per la prenotazione 

Biglietti € 9,00
Abbonamento 2 spettacoli (medesime classi) €14,00
2 omaggi insegnanti ogni 25 alunni

VULCANIA. La Costituzione raccontata ai bambini

1 VULCANIA.LA COSTIRUZIONE RACCONTATA AI BAMBINI Catalyst

Produzione Catalyst | da 7 a 12 anni

Lo spettacolo si rivolge all’immaginario dei giovanissimi a partire dalle parole e dalle filastrocche che Anna Sarfatti ha dedicato alla nostra carta fondamentale, con l’obiettivo di farla vivere sul palco e comprendere quali pensieri e quali eventi hanno dato origine a quelle frasi così solenni e misurate.  Siamo nel 1947 e all'interno del transatlantico Vulcania vivono da clandestini Bice, una astronoma fiorentina, e Fifì, un maestro siciliano. Sfuggiti alle retate fasciste, non sanno che la guerra è finita. Ma a nascondersi non sono i soli, anche le cameriere Lia e Rosa hanno i loro motivi per non scendere dalla nave…  Nel frattempo in Italia tutto sta per ripartire. La monarchia e il fascismo non esistono più e l’Assembla Costituente sta lavorando alla legge fondamentale del nuovo stato democratico. I nostri protagonisti per la prima volta sentono parlare di diritti e doveri del cittadino e avvertono nell’aria il vento del cambiamento, le sue promesse. Così cominciano a immaginare una Carta che rappresenti la loro terra, che unisca, difenda e protegga ogni cittadino.

 

Al termine dello spettacolo è proposto un incontro con Anna Sarfatti

Linguaggio: Teatro d’attore, musica e canzoni dal vivo, video
Temi: Diritti e doveri, la convivenza civile, la nascita della Costituzione, l'Italia nel secondo Dopoguerra

T B MUNARI new  r

Via Giovanni Bovio 5 - Milano
20 e 21 Novembre
ore 10:00

Contatti:
Flavia Lencioni
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.| 02.27002476

Scarica il modulo per la prenotazione 

Biglietti € 9,00
Abbonamento 2 spettacoli (medesime classi) €14,00
2 omaggi insegnanti ogni 25 alunni

Leonardo. Diverso da chi?

 

Leonardo hd 5 rif

produzione Il Giardino delle ore | dai 12 anni

Leonardo è un adolescente; come tale è particolare, unico. O diverso come piace dire ai suoi compagni.
In un momento importantissimo per la definizione dell’identità Leonardo si trova a scontrarsi con tutte le difficoltà del mondo e delle sue relazioni: i compagni di scuola, gli insegnanti, i genitori. E pian piano scoprirà di avere molte cose in comune con quel famoso Leonardo Da Vinci, considerato forse il più grande genio che abbia mai solcato il nostro mondo.
Uno spettacolo che si concentra su diversità e bullismo nell’era dei social; che racconta, affrontando anche il tema dell’omosessualità, la difficoltà di inserirsi, di sentirsi accettato; l’importanza di accettare e includere le diversità in un momento difficile come l’adolescenza.
Emergono le stesse difficoltà che Leonardo da Vinci ha vissuto sulla sua pelle, prima di essere accettato come genio indiscusso.
In modo poetico e concreto si delinea il difficile percorso da compiere per trovare la forza di ammettere con se stessi la propria identità, e permettersi finalmente di fare l’incontro con la più importante delle compagne di vita: la felicità.

RECENSIONI
“Poi nella nuova città dove Leonardo è costretto a “migrare” c'è Franciulli, il bullo della scuola, che non ne vuole sapere di un compagno di scuola sensibile e sognatore che indossa delle belle scarpe rosse scintillanti, perchè i veri uomini indossano solo scarpe sportive, nere o marroni a volte blu. Franciulli è un ragazzo che crede di avere la verità in tasca, pieno come è di sé, un leader che sa come farsi rispettare, che usa le parole come lame taglienti che feriscono chi non la pensa come lui e, come si sa, le parole feriscono come e forse più delle armi.”  […]
Simone Severgnini, aiutato da un mobilissimo marchingegno scenico che gli consente come Leonardo di inventare ambienti e spazi nuovi, interpretando di volta in volta Leonardo e Franciulli, propone nello spettacolo un viaggio commosso e commovente verso l'accettazione di sé e nello stesso tempo un omaggio alla diversità, come bene prezioso da conservare e proteggere."     
Mario Bianchi, Eolo

 

 

 

 

T B MUNARI new  r
Via Giovanni Bovio 5 - Milano
5 Febbraio 2020 ore 10.00


Biglietti € 9,00
Abbonamento 2 spettacoli (medesime classi) €14,00
2 omaggi insegnanti ogni 25 alunni 
 

Contatti
Flavia Lencioni
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | 02.27002476

Scarica il modulo per la prenotazione